QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della pubblica amministrazione
 
logo
 
 

  ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI
  "G. CERBONI"

REGOLAMENTO VIAGGI ISTRUZIONE E VISITE GUIDATE 

(approvato dal CdI - ultimo aggiornamento 12-2019)

  Vedi anche: Note utili per viaggi di istruzione 

REGOLAMENTO VIAGGI D’ISTRUZIONE

 

Finalità

I viaggi d’istruzione e le iniziative extrascolastiche rientrano tra le attività complementari all’attività didattica, le cui finalità sono il completamento della preparazione culturale degli a­lun­ni così come la formazione della loro personalità. Pertanto, i viaggi d’istruzione implicano una precisa program­mazione didattica e culturale, definita dalla scuola sin dall’inizio del­l’anno scolastico, attraverso la predisposizione di materiale didattico idoneo a preparare le classi al viaggio e stimolando la rielaborazione a scuola delle esperienze vissute. La scelta delle mete dei viaggi d’istruzione deve essere supportata da valide motivazioni culturali e didattiche e preferibilmente relativa all'indirizzo di studio.

  1. I viaggi d’istruzione dovranno rispettare, inderogabilmente, il calendario scolastico. Ogni proposta di viaggio d’istruzione, scaturita dalla programmazione del consiglio di classe e sup­portata da adeguata motivazione, deve essere caricata su apposita sezione istituita sul sito internet della scuola immediatamente dopo i primi consigli di classe, in modo da rendere visibili le proposte dei consigli di classe a tutti i docenti per poter aggregare più classi intorno ad una proposta.
  2. I consigli di classe delle prime e seconde possono organizzare di norma un viaggio in Italia di 4 giorni e 3 notti.
  3. I consigli di classe delle terze, quarte e quinte possono organizzare di norma un viaggio in Italia o all'estero, in destinazioni all’interno dell’Unione Europea, della durata massima di 7 giorni e 6 notti.
  4. Possibili deroghe a quanto previsto in merito alla durata dei viaggi d’istruzione e delle attività extrascolastiche potranno essere deliberate dal consiglio di classe in casi eccezionali.
  5. I docenti possono accompagnare le classi del biennio e del triennio se i relativi viaggi avvengono in periodi diversi al fine di evitare che alcune classi siano escluse per mancanza di accompagnatori. Ciascun docente non può assentarsi, di norma, per più di 6 giorni complessivi, salvo motivate necessità.
  6. Per ogni viaggio d’istruzione e visita viene individuato, tra gli accompagnatori, un docente che assume l’in­ca­rico di coordinatore cui è affidata la verifica dell’attuazione del programma previsto, del­l’adempimento degli obblighi contrattuali da parte del­l’a­gen­zia e/o del vettore, la verifica della regolarità dei documenti di viaggio (voucher, carta d’imbarco, documenti di identità ecc.) e l’or­ga­niz­za­zione generale del gruppo prima e durante il viaggio.
  7. Ai viaggi d’istruzione possono prendere parte di norma gli insegnanti, gli studenti e il personale della scuola, in quanto l'iniziativa si configura come un momento qualificante dell'attività didattica.
  8. Gli alunni con disabilità possono essere accompagnati dai genitori o da chi ne fa le veci. Il Dirigente Scolastico può inoltre autorizzare la presenza di accompagnatori con specifiche competenze per far fronte alle esigenze di alunni con disabilità. Nel caso di partecipazione di genitori o di accompagnatori, essi sono tenuti a rispettare il programma del viaggio d’istruzione e provvederanno a stipulare una polizza assicurativa personale per il viaggio. La partecipazione di genitori o accompagnatori ai viaggi d’istruzione non dovrà generare alcun onere finanziario per la scuola.
  9. Il Dirigente Scolastico, su proposta del consiglio di classe, ha la facoltà di escludere dal viaggio quegli studenti che si siano segnalati per comportamenti irresponsabili nel corso dell'anno scolastico. Il sei in condotta comporta l’esclusione automatica dal viaggio. Pertanto, in deroga a quanto previsto dall’art. 26 (Sanzioni) comma d. del Regolamento d’istituto, gli studenti sanzionati potranno essere esclusi dalla partecipazione ai viaggi d’istruzione e visite guidate anche per l’anno in corso.
  10. Sarà a cura dei coordinatori di classe o dei docenticoordinatori del singolo viaggio di istru­zione la realizzazione e presentazione del programma e dell’itinerario del viaggio agli studenti ed ai rispettivi genitori con l’indicazione delle finalità e degli obiettivi che si intendono perseguire.
  11. I docenti coordinatori dei viaggi d’istruzione informano il referente per le gite in merito al programma e all’itinerario, affinché il referente gite e la segreteria possano elaborare la stesura del bando e valutare le offerte delle agenzie partecipanti alla gara d’ap­palto.
  12. Il referente per le gite istruirà la pratica per l’approvazione del Consiglio d'istituto.
  13. Gli alunni saranno tenuti a versare un acconto di circa il 30% della quota di partecipazione (stimata in via ipotetica tramite indagine preventiva) e a consegnare l’autorizza­zione dei genitori e i versamenti di pagamento ai docenti coordinatori di classe o coordinatori del viaggio d’istruzione entro i limiti temporali stabiliti in fase di organizzazione per procedere alla richiesta dei preventivi. Si fa presente che la caparra non sarà restituita in caso di rinuncia da parte di studenti. La restante parte della quota di partecipazione verrà versata dagli alunni alla conferma del viaggio stesso.
  14. Il referente gite predispone l'elenco nominativo degli studenti partecipanti, distinti per classe di appartenenza, e il prospetto riepilogativo dei contributi versati a seguito della consegna in segreteria dei coordinatori dei versamenti e delle autorizzazioni dei genitori degli alunni.
  15. A viaggio effettuato, oltre ad una breve relazione scritta, il capo comitiva è tenuto ad informare il Dirigente Scolastico per gli interventi del caso su eventuali inconvenienti verificatisi nel corso del viaggio, sia riguardo all'affidabilità delle agenzie, sia riguardo al comportamento di tutti i partecipanti.
  16. Nella programmazione dei viaggi di istruzione è necessario rispettare i seguenti criteri:
    • Le classi devono essere accompagnate dai rispettivi docenti: un docente ogni 15 allievi per le uscite in Italia e uno ogni 12 per le uscite all’estero;
    • All’iniziativa devono prendere parte almeno il 50% + 1 degli studenti della classe (aventi diritto). Il limite numerico fa eccezione per i viaggi la cui programmazione contempli la partecipazione di studenti - appartenenti a classi diverse - ad attività teatrali, nonché ai viaggi connessi ad attività sportive agonistiche, orientamento, alternanza scuola-lavoro, scambi culturali anche con l’estero.
    • Non possono essere programmate gite da quei consigli di classe che non trovino accompagnatori, nemmeno tra gli insegnanti della scuola.
  1. Il Dirigente Scolastico può intervenire e decidere in merito all’organizzazione di ogni viaggio d'istruzione e iniziativa extrascolastica, anche in deroga al presente regolamento.
  2. La scelta del mezzo di trasporto è subordinata alla tipologia di attività che si intende intraprendere (luogo, tempi di percorrenza, finalità).
  3. Gli alunni, per l’intera durata del viaggio, sono tenuti a mantenere un comportamento cor­retto e rispettoso delle persone e delle cose, coerentemente con le finalità del progetto educativo-formativo dell’isti­tuzione scolastica e con le finalità del viaggio. Al fine di ga­ran­tire l’altrui e la propria incolumità e sicurezza, ogni alunno è tenuto ad osservare scrupo­lo­sa­men­te le indicazioni dei docenti accompagnatori.
    È severamente vietato possedere bevande alcoliche, sostanze stupefacenti e, a maggior ragione, farne uso, anche da parte degli allievi maggiorenni. Nessun alunno può allontanarsi dall’al­bergo o dal gruppo su iniziativa personale. Eventuali danni ai mezzi di trasporto e alle strutture ricettive saranno addebitati agli studenti responsabili. La responsabilità di natura disciplinare, penale e civile degli alunni è personale, pertanto qualunque comportamento difforme deter­mina l’applicazione di provvedimenti disciplinari, graduabili in base alla gravità della man­canza commessa. Nei casi più gravi, d’intesa con i docenti accompagnatori e il Dirigente Scolastico, può essere previsto il rientro anticipato a casa di singoli alunni che saranno prelevati da un genitore o da chi ne fa le veci o l’interruzione del viaggio per tutti gli alunni con rientro immediato a casa con onere finanziario a carico degli allievi responsabili. Gli eventuali comportamenti non cor­retti da parte dei singoli o di tutta la classe saranno sanzionati in loco: al rientro in sede, il consiglio di classe, sentiti i docenti accompagnatori, adotterà i provvedimenti in base a quanto di­sci­plinato dal presente regolamento nonché dal regolamento di istituto.
  4. I genitori autorizzano, per iscritto, il proprio figlio a partecipare al viaggio d’istruzione e a iniziative extrascolastiche e hanno il dovere di:
    1. effettuare il pagamento del viaggio prima della partenza, af­fin­ché l’alunno rispetti le direttive dei docenti accompagnatori e tutto quanto previsto nel presente regolamento.
    2. segnalare ai docenti coordinatori di classe o coordinatori del viaggio d’istruzione situazioni di salute degli studenti partecipanti che richiedono particolari cautele e accorgimenti e comunicare eventuali limitazioni terapeutiche e ali­men­tari.
    3. accertarsi che l’alunno sia munito in viaggio di un documento d’identità e della tessera sanitaria.
  5. I docenti accompagnatori devono essere informati sulla presenza di patologie e allergie degli alunni. Nel caso in cui sia possibile la somministrazione di farmaci salvavita, il farmaco deve essere consegnato, laddove presente, ad un docente accompagnatore che ha dato la disponibilità e sia stato formato alla somministrazione del farmaco. È vietata la somministrazione di farmaci da parte dei docenti se non all’interno delle procedure codificate per la somministrazione di farmaci salvavita. I genitori degli studenti sono tenuti a informare i docenti accompagnatori nel caso in cui lo studente deve assumere autonomamente qualsiasi farmaco durante il viaggio. In tali casi è inoltre necessario che i docenti accompagnatori abbiano a disposizione il numero telefonico di un genitore raggiungibile in caso di emergenza.
  6. Il presente regolamento è in vigore dall’a.s. 2019/2020 e avrà validità fino a quando non sarà modificato da parte degli organi collegiali che l’hanno approvato. Il presente re­go­lamento sarà affisso all’albo del­l’ist­ituto e pubblicato online sul sito della scuola. I docenti coordinatori avranno cura di illustrarlo agli studenti nella fase iniziale dell’anno scolastico.
  7. Per tutto quanto non esplicitamente richiamato e previsto dal regolamento, i genitori, gli stu­den­ti e i docenti accompagnatori, all’atto della partecipazione accettano espressamente quan­to disposto in materia, specie in merito alla sicurezza dei partecipanti, ai regimi di responsabilità e al risarcimento degli eventuali danni.

 

IL DIRIGENTE SCOLASTICO

 


  1.   Vedi anche: Note utili per viaggi di istruzione 

 

                      

Ufficio Relazioni con il Pubblico

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE - G. CERBONI
Piazzale Anna Rita Buttafuoco, 1 - 57037 Portoferraio (LI)
Tel: 0565/915148
Fax: 0565/930389

PEO: LITD030003@istruzione.it
PEC: LITD030003@pec.istruzione.it

Cod. Mecc. LITD030003
Cod. Fisc. 82002900494
Fatt. Elett. UFHQUZ

Area riservata